domenica 17 Marzo 2013
VINICIO CAPOSSELA

@ LIVE MUSIC CLUB - Trezzo sull'Adda

VINICIO CAPOSSELA

Dopo gli “Esercizi allo Scoperto” che Vinicio Capossela e i suoi Rebetici Ginnasti hanno praticato all’aperto nella scorsa estate, il rebetiko è rientrato al chiuso, nei rock club, ovvero negli spazi coperti che più si confanno al suo spirito ribelle e underground. Il tour REBETIKO GYMNASTAS, che prevede più di trenta date, è partito lo scorso 2 novembre dal CS RIVOLTA di Marghera, sta registrando ovunque il “tutto esurito”.

Il rebetiko- racconta Capossela – è musica nata da una catastrofe, da una grande crisi e da una colossale migrazione. Da allora ha sempre avuto un contenuto eversivo, ha portato in sé il cromosoma della ribellione, della rivolta individuale. Rebeta viene dal turco rebet, ribelle, colui che meno si tira indietro quando le città vanno a fuoco. Il rebeta è uno che non si sottomette al meccanismo del consumo e che semmai cerca la sua bellezza altrove. Scrive John Berger che la musica iniziò dal grido che lamenta una perdita. Il rebetiko è una musica che lamenta quello che tutti noi abbiamo perduto, una musica che non dimentica le sue origini. Si officia in luoghi chiusi, dove si beve e si privilegia lo struggimento individuale. E’ musica che viene dal basso, che si condivide a tavola, come un’eucarestia.